La prima riunione del tavolo vivibilità si concetra sulle seguenti tematiche:
· Urbanistica
· Rifunzionalizzazione degli spazi
· Spazi Verdi
· Offerta artistica e culturale
· Sport e tempo libero

Successivamente viene condivisa l’impostazione metodologica da seguire al fine di rendere concrete le azioni del tavolo:
· delineare le cause delle problematiche identificate
· individuare gli ostacoli da rimuovere al fine di rendere efficaci le azioni del tavolo

ambiti generali:
Il tavolo durante la discussione ha identificato tre ambiti generali di intervento:
· Necessità di definire un modello di centro storico da realizzare: dimensione dell’abitare, legame degli abitanti con il territorio, cura degli spazi urbani.
· Questione degli spazi sociali e culturali da identificare e rifunzionalizzare all’interno della seconda municipalità (spazi occupati, autogestiti, spazi verdi, luoghi per lo sport, bilbioteche, spazi negati): rimuovere la divisione tra “periferie e centro” coesistenti all’interno del centro storico.
· Valorizzazione dei saperi esistenti con l’intento di fornire formazione giovanile e in generale per l’ avvicinamento o reinserimento nel mondo lavorativo

ambiti trasversali:
La discussione, in più momenti, ha identificato questioni trasversali da sottoporre agli altri tavoli e alla discussione generale dell’assemblea degli abitanti; in particolare sono state portate all’attenzione tre questioni:
· Bilancio partecipato delle municipalità e monitoraggio con partecipazione alla scelta sui fondi pubblici destinati al centro storico
· Piano urbanistico metropolitano partecipato e riavvio del piano regolatore
· Servizi e alloggi per gli studenti che frequentano o vivono al centro storico

ambiti tecnici:
In parte minore gli interventi hanno definite anche alcune necessità tecniche da affrontare, ed in particolare tali urgenze sono state identificate come segue:
· Pianificazione della viabilità: scale mobili, ascensori, luoghi pedonali e piste ciclabili
· Normative sull’inquinamento acustico e sulle autorizzazioni alla vendita di materiale alimentare per le strade (ad esempio: mercati del pesce).
· Definizione dei titoli di proprietà degli spazi sociali e abitativi del centro storico
Diverse zone della Municipalità sono state espressamente citate durante gli interventi del tavolo, come a sottolineare alcune specifiche e locali problematiche:
· Porta Nolana: mancanza di spazi sociali e mercato del pesce
· Via dei Tribunali e adiacenze: prese di assalto dale attività commerciali con conseguente diminuzione degli spazi della vivibilità
· Scale Mobili e Ascensori di Montesanto: chiuse e degradate le scale della Cumana e periodi troppo brevi di apertura per le scale mobile e l’ascensore del parco ventaglieri.
· Vicoli del centro Antico: difficile lo spazzamento e l’assistenza domiciliare agli anziani
· Zona Porto, da borgo orefici a piazza Municipio: luogo dimenticato usato come dormitorio
· Materdei: aggressioni da parte di bande di ragazzini per strada di note

azioni identificate:
Su proposta di una docente dell’università “Orientale” il tavolo procederà ad una mappatura dettagliata di:
· Biblioteche chiuse o inutilizzate
· Spazi sociali da rifunzionalizzare
· Spazi Verdi da rifunzionalizzare o da riaprire
· Spazi per le attività sportive
· Luoghi per offrire servizi sociali e culturali per studenti e abitanti

Prossimi appuntamenti:
Sabato 19 Marzo presso la II Municipalità alle 15.30

Per saperne di più, per continuare il dibattito è delineare in maniera più puntuale ed approfondita tutti questi punti vi diamo appuntamento alla prossimo tavolo vivibilità dell’assemblea della II municipalità di Napoli.

© Massa Critica Napoli. Creative Commons
Top
Follow us: